Serata col vicino parte 2

Si presenta come Rodolfo, dopo avermi fatto entrare insiste per farmi accomodare , ha la casa ancora sottosopra dal trasloco, mi apre qualcosa da bere e c'accomodiamo su un divanetto spartano. Parliamo molto , mi racconta qualcosa di lui stando sempre sul vago, ma non sono le sue parole a cui faccio caso, lentamente mi ipnotizza col suo modo di parlare avvicinandosi a me piano piano.
Poco dopo l'avevo sopra di me, deciso , così avvolgente col suo corpo e la schiena possente. La sua lingua è velluto , le sue mani sembrano non abbiano toccato altro che il mio corpo finora ed in men che non si dica mi sta possedendo da sopra , nudi e sudati, senza nessun freno. Spinge così forte che spero il divano regga, mi sentivo totalmente passiva e sucube della sua possenza , ogni volta che mi gira mi avvolge la mani al collo sbattendomi con sempre più voga.
Facemmo il miglior sesso della mia vita, non mi ero mai sentita cosi travolta da un dominatore simile , la sua esperienza su come trattare una donna è incredibile. La mattina dopo mi svegliai al piano di sopra con un biglietto di fianco dove lui scriveva ch era stata una serata unica e che un benvenuto dal vicinato cosi non l'aveva mai ricevuto. Mi son sentita un pò zoccola , non mi ero mai comportata così, ed ora mi ritrovavo in una casa non mia col telefono che suonava per via del mio capo che non mi vedeva al lavoro.
Così io e Rodolfo non stiamo ancora insieme, ma quando lo vedo nudo dopo la doccia di fronte dalla finestra di casa mia , non so resistere dal bussargli alla porta ed essere dominata ancora ed ancora.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!