• Pubblicata il
  • Autore: BUIOPESTO
  • Categoria: Racconti gay
IL CAMIONISTA - Pesaro Urbino Trasgressiva
  • Pubblicata il
  • Autore: BUIOPESTO
  • Categoria: Racconti gay

IL CAMIONISTA - Pesaro Urbino Trasgressiva

Avevo messo un annuncio su uno di quei siti per incontri hot....Cercasi camionista che voglia farmi vedere la cabina del suo camion.
Dopo varie mail, presi contatto con un camionista giovane con un gran fisico(mi aveva mandato la foto dei suoi pettorali), ci incontrammo in una piazzetta vicino ad un nucleo industriale della mia zona dove vanno diversi camionisti a riposarsi e spesso si incontrano con coppie o ragazzi.
Arrivai al posto convenuto c'era un solo camion parcheggiato alla parte estrema della piazzola, quindi lampeggiai con la macchina e lui mi fece segno di parcheggiare.
Parcheggiai e andai per salire sul lato passeggero, ma lui era giù che mi aspettava a petto nudo e con i pantaloni slacciati; rimasi deluso, in quanto avevo sempre desiderato farlo in una cabina di un camion.
Appena mi avvicinai, mi prese la testa e me la spinse sul suo cazzo, un bel pezzo di carne di oltre 20 cm,
duro come un marmo.
Cominciai a pomparlo con foga, ma lui con la mano spingeva con la mano e il suo membro mi arrivò fino all'ugola. Poi con l'altra mano mi accarezzava il culo e si insinuava dentro i pantaloni alla ricerca del buco. Presto mi fece scendere i pantaloni e gli slip per potermi prendere da dietro.
Appoggiò la cappella abbondantemente salivata sul mio buco e con grande delicatezza cominciò a scoparmi ritmicamente mentre con le mani mi allargava le natiche.
Mentre stavamo scopando, alzai la testa e vidi un altro camionista (sicuramente un suo amico,,,aveva già assistito a tutto, ma io non me ne ero accorto della sua presenza) che si slacciò i pantaloni davanti alla mia faccia e cacciò fuori il suo cazzo, sicuramente più corto dell'altro ma di una circoferenza enorme.
E cosi mentre il ragazzo mi stantuffava il culo, cominciai a pompare l'altro cazzo, ma tanto era largo che quasi non mi entrava in bocca.
Ma durò solo qualche minuto, in quanto il secondo chiese di invertire le posizioni (e lì capii che non erano italiani).
Così mentre il primo me lo mise in bocca, il secondo mi penetrò seccamente facendomi urlare dal dolore. Comincio' con foga a scoparmi, mi sembrò quasi che mi stesse spaccando in due.
Poi cominciò a darmi con tutte e due le enormi mani dei violenti schiaffi sulle mie chiappe.
Ma nonostante il dolore del suo cazzo e dei suoi schiaffi, provavo una forte eccitazione...tant'è che il mio cazzo divenne molto duro.
Il camionista che mi stava scopando si accorse di tutto ciò e mentre mi penetrava mi segava e da lì a poco me ne venni con un enorme sborrata sporcandogli tutta la sua mano.
Quindi ripulì la sua mano sporca della mia sborra sulla mia faccia facendosi leccare le sue dita.
L'altro eccitato dalla situazione si finì a segare per poi sborrarmi in bocca cercando di non farne sprecare neanche una goccia (l'unico fiotto che era rimasto sulla guancia fu ripreso con il suo dito affinchè ingoiassi anche quello).
Dopo neanche un minuto anche il suo collega mi venne in culo.
Mentre cercavo di ripulirmi della loro sborra, mi lasciarono un biglietto con i loro numeri di telefono affinchè li contattassi per una replica di questo incontro.

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati